Quando l’ape si posa sul fiore, il suo corpo viene cosparso di una finissima polvere, costituita dai granuli di polline che cadono dai fiori.

Questi granuli vengono impastati col nettare raccolto sul fiore e formano delle pallottoline che vengono trasportate nell’alveare. Qui è utilizzato per alimentare le api operaie e fuchi.

Il polline é racchiuso nelle antere degli stami dei fiori e costituisce l’elemento maschile del fiore, infatti l’ape contribuisce all’impollinazione (fecondazione) di oltre l’80% delle specie di piante.

Ilpolline, ricco di Sali minerali e di vitamine B-C-E, è per l’ape un super-alimento, indispensabile per la formazione dell’organismo e per la produzione di pappa reale. Il polline abbassa il colesterolo e 30g al giorno di polline coprono il fabbisogno proteico di un adulto.

In 100g di polline ci sono tanti amminoacidi quanti ne contengono 500g di carne o 7 uova.

Il polline è ottimo contro l’invecchiamento delle cellule, e se ne consiglia un consumo quotidiano, unito alla frutta o al miele.

È un ottimo ricostituente generale per l’organismo, e al tempo stesso non fa ingrassare, perché l’aumento dell’appetito è controbilanciato dal miglioramento dello stato generale dell’organismo. Ne trova così giovamento sia l’attività intellettuale che fisica, e si riesce a combattere gli stati di ansia e di depressione.

Il polline fresco è più digeribile. Esso contiene citoplasma, ottimo elemento per gli intestini, edè ricco di fermenti lattici vivi.

Le allergie al polline sono causate dai pollini volatili (o anche chiamati polvere di polline o anemofili). Il polline di pino è la principale causa di allergie.

Il polline delle api non è il polline volatile, ed è chiamato entomofilo e solo 1 individuo su 1000 risulta sensibile a tale polline.

Le varietà di polline più conosciute sono:

  • Polline di Salice: ottimo per la fecondità e per la prostata, per la retina e per il cristallino dell’occhio e per l’invecchiamento.
  • Polline di Papavero: agisce sul sistema nervoso e sull’umore.
  • Polline di Cisto:è il più diffuso, ed è uno dei fiori più ricco di polline.
  • Polline di Castagno: Indicato per l’osteoporosi, per l’apparato cardiovascolare e per l’intestino.
  • Polline di Erica: utile per la memoria, e per emorroidi, varici, colesterolo e intestino (è ricco di rutina).

Contattaci per maggiori informazioni

    Acconsento trattamento dati privacy policy
    Letta informativa privacy do consenso trattamento