Questo miele viene prodotto a partire dal nettare dei fiori della pianta del castagno i cui fiori sbocciano nel mese di giugno-luglio. Dai fiori di questa pianta, le api ricavano un miele molto speciale.

Il miele di castagno è uno dei mieli più scuri, il cui colore è un marrone molto intenso, che a volte risulta tendente al nero. L’odore viene spesso descritto come acre, pungente, molto deciso e molto forte. Il gusto rispecchia il suo profumo e viene spesso definito amarognolo e incisivo, si presenta generalmente liquido o a cristallizzazione molto lenta dovuto alla maggior presenza di fruttosio rispetto al glucosio. La dolcezza, quindi, non è proprio il suo tratto distintivo: per questo motivo può non essere indicato come dolcificante di cibi e

 

bevande, anche se molto più spesso viene ricercato proprio per questa sua caratteristica. Come ogni tipologia di miele, in base all’annata e al luogo di provenienza può presentare aspetti più o meno peculiari.

Proprietà benefiche del miele di Castagno

Il miele di castagno è ricco di proprietà benefiche che lo rendono un vero e proprio toccasana per la nostra salute.

Grazie alla presenza di flavonoidi e polifenoli, è un alimento dagli interessanti effetti antiossidanti, è molto utile per combattere gli effetti negativi che i radicali liberi hanno sul nostro organismo. Inoltre, è molto ricco di sali minerali, come potassio, ferro, calcio, magnesio, sodio e manganese. Vanta anche una buona concentrazione di polline, fonte di proteine, grazie al quale si presenta come un miele molto nutriente. Per questo motivo, è un’utilissima fonte di energia per sportivi, bambini, anziani e per chi è in uno stato di convalescenza. Proprietà comune a tutti i tipi di miele, anche il miele di castagno è un potente anti-infiammatorio e anti-batterico.

Astringente ed espettorante, il miele di castagno è particolarmente indicato nelle affezioni dell’apparato circolatorio e raccomandabile agli sportivi, alle persone anemiche e affaticate e ai convalescenti. Stimola la circolazione sanguinea e trova applicazioni per le disfunzioni che riguardano il ciclo mestruale ed i fenomeni tipici della menopausa.

Consigli d’uso

È ideale con le carni, la selvaggina e i formaggi stagionati, accompagnandosi bene ai sapori forti. E’ perfetto se unito a piatti dal sapore leggermente affumicato ed è un valido accompagnamento per formaggi freschi come la ricotta o formaggi vaccini e ovini.

Ma raggiunge la perfezione accompagnato a formaggi stagionati quali il parmigiano reggiano. Si sposa perfettamente anche con il tè nero, con vini rossi non fruttati o con birre artigianali.

 

Contattaci per maggiori informazioni

    Acconsento trattamento dati privacy policy
    Letta informativa privacy do consenso trattamento